Che cosa è la P.N.A. Procreazione Naturalmente Assistita®

La PNA Procreazione Naturalmente Assistita® è un sistema olistico e naturale compatibile sia con la medicina tradizionale sia con la PMA Procreazione Medicalmente Assistita. La PNA® consiste in un percorso di accompagnamento al concepimento sia per le coppie che hanno già fatto delle valutazioni medico-tradizionali sia per le coppie che hanno appena iniziato ad affrontare la questione.

Che cosa è la P.N.A. Procreazione Naturalmente Assistita®

La PNA Procreazione Naturalmente Assistita®è un sistema olistico e naturale compatibile sia con la medicina tradizionale sia con la PMA Procreazione Medicalmente Assistita.


La PNA® consiste in un percorso di accompagnamento al concepimento sia per le coppie che hanno già fatto delle valutazioni medico-tradizionali sia per le coppie che hanno appena iniziato ad affrontare la questione.

E’ un sistema multidisciplinare che utilizza tante e varie tecniche, tra queste:

• Ginecologia
• Endocrinologia
• Andrologia        
• Genetica - Nutrigenetica                                     
• Psicologia                                                                     
• Alimentazione e  Nutrizione Umana
• Naturopatia
• Fitoterapia
• Nutraceutica
• Omeopatia
• Omotossicologia
• Osteopatia
• Agopuntura
• Biologia
• Shiatsu
• Ostetricia
• Pediatria
• Medicina Metabolica Funzionale
• Medicina Mitocondriale
• Il Microbiota Intestinale 
 
Ogni percorso PNA® viene studiato e progettato sulle esigenze, le necessità e le disponibilità della coppia che si rivolge ai centri Affiliati.

PERCHE’ NON RIESCO A CONCEPIRE?
Nonostante sia complesso riuscire ad identificare tutti i fattori che incidono sulla funzione riproduttiva, possiamo evidenziare come l’innalzamento della fascia d’età in cui le donne  decidono di avere il primo figlio (generalmente dopo i 30 anni) determini una ridotta performance riproduttiva; bisogna inoltre tener conto del diffondersi delle infiammazioni pelviche, che portano ad una riduzione della fecondità.
Altri fattori che incidono negativamente sulla procreazione sono il fumo, che contribuisce a ridurre la fertilità, i farmaci antinfiammatori di largo impiego, le diete forzate e poco equilibrate ed infine l’esposizione ai metalli pesanti, ad esempio piombo e mercurio.
                              
QUANDO SI PUO’ PARLARE DI INFERTILITA’?
Per inferilità si intende l’incapacità di concepire: si può realmente parlare di infertilità  dopo un anno di rapporti regolari infruttuosi. Attualmente le cause e concause sono attribuibili per il 24% al fattore maschile, per il 44% a fattori femminili e per il 30% ad entrambi i partner. Ma ad influire sull’infertilità possono intervenire anche fattori morfologici, genetici, endocrini, senza escludere fattori ambientali, psicologici e sessuologici.
Risulta quindi chiaro quanto un approccio multidisciplinare possa risultare quello più appropriato per uno  studio e per la ricerca di una  soluzione ad uno  scenario di infertilità.
 

Un aiuto a concepire oggi. 

Lo scopo della PNA è quello di evitare alla coppia , se non strettamente necessario, di dover giungere ad affrontare tecniche invasive di procreazione medicalmente assistita per avere un figlio.


La P.N.A  Procreazione Naturalmente Assistita® mette a disposizione dei percorsi che permettono alla coppia di essere presa in carico e accompagnata alla genitorialità in un senso globale.

L’equipe di un  Centro DyD P.N.A. Affiliato cercherà di essere già al primo colloquio una guida per la coppia che permetta loro di usufruire delle figure professionali competenti secondo i loro bisogni specifici senza dover seguire una routine già preordinata.

E’ importante che la coppia venga sostenuta con attenzioni mediche volte a porre entrambi i partner in una situazione di benessere fisico e psichico, prima nel favorire la procreazione, e durante la gravidanza guidata alla preparazione e alla scoperta di quello che avverrà dopo, alla presa di responsabilità rispetto a una genitorialità consapevole e agli impegni che un figlio comporta.

Cambiano, infatti, i ritmi sonno-veglia, la routine, gli spazi; a livello psicologico si devono riequilibrare le relazioni mamma, papà, bambino; infatti la prima “modificazione repentina” all’interno della coppia avviene proprio con la nascita di un figlio e con un nuovo sistema di vita e di rapporti da ritrovare, accedendo a un percorso di scoperta delle relazioni familiari che andrà cambiando con l’avvento del nuovo nato.

L’equipe di lavoro dei centri non è prevalentemente solo medica ma il focus è centrato anche sulla relazione, sulla scoperta e la gestione delle emozioni e, perché no, anche sulla struttura dell’organizzazione della famiglia che verrà.

La finalità è quella di aiutare la coppia in un percorso guidato per prendere consapevolezza della genitorialità, in modo naturale, spontaneo e gioioso, con gli strumenti clinici, psicologici ed emotivi che l’equipe di ogni Centro mette a disposizione e poter così affrontare le varie situazioni che si presenteranno rendendo piacevole e tranquilla l’esperienza unica di una serena e consapevole maternità e paternità.